"Nel servirci l'un l'altro diveniamo liberi"

Copyright  ©  2018  All  Rights  Reserved    -    KAIZEN-MIGLIORAMENTO CONTINUO  -  Associazione Culturale -

                                             Via  Carducci 1519 - Ravarino (MODENA)  -  C.F. 94193290361

April 22, 2019

November 4, 2018

Please reload

Post recenti

I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

Please reload

Post in evidenza

C'E' UN PREZZO DA PAGARE PER IL SUCCESSO?

June 22, 2018

Cari amici, vorrei condividere con voi alcune riflessioni sulla Economia Collaborativa.
Penso che tutti conosciamo l'economia tradizionale, ovvero il rapporto che abbiamo con i nostri colleghi e i nostri responsabili nel primo lavoro , gli obblighi che abbiamo a livello contrattuale per poter mantenere il nostro primo lavoro, le situazioni difficili che oggi tutti viviamo nel primo lavoro, dovute anche al fatto che ci viene richiesto di lavorare sempre di piu' e il riconoscimento economico è sempre più basso.
Abbiamo i corsi di formazione obbligatori, magari non retribuiti, ai quali se non partecipiamo riceviamo un richiamo ufficiale o peggio, abbiamo la spada di Damocle delle migliaia di persone fuori , disponibili, che potrebbero prendere il nostro posto appena noi facciamo un passo falso o magari solo perchè siamo antipatici ai nostri superiori.
-
Poi un amico un giorno ci ha parlato della Economia Collaborativa, un sistema dove si lavora insieme, dove non c'è pressione, dove tutti possiamo sviluppare il nostro talento.
Ci piace questo ambiente, entriamo a farne parte e i nostri tutor ci dicono che, se lo vogliamo, potremmo raggiungere risultati importanti sia livello personale che economico.
E allora molti di noi si mettono a fare alcune attiività, senza preoccuparsi di imparare a farle, solo perchè ci vengono comode o perchè ci sembrano delle ottime scorciatoie.
Improvvisamente la formazione non è importante, tanto lo sponsor ci affianca anzi ,a volte per agevolarci si sostituisce proprio a noi in alcune attività!
Improvvisamente abbiamo l'impressione che possiamo fare cio' che vogliamo e che comunque la squadra mi porterà al successo!!
Tanto qui nessuno ci può licenziare e poi l'attività è nostra: siamo in proprio.
Ed è vero, nessuno ci puo' licenziare e l'attività è la nostra.
Nessuno ci puo' obbligare a fare le cose : E questo è fantastico.
-
Ma pensiamo veramente che il nostro Sponsor possa diventare come se fosse un nostro dipendente che quando lo chiamo correrà sempre ad aiutarmi?
Pensiamo veramente che se nel primo lavoro , impegnandomi tanto e dedicando tante ore della mia vita sono arrivato dove sono e faccio fatica ad andare oltre, in questo nuovo progetto potrò ottenere il successo sforzandomi poco?
Penso veramente che dopo che ho rifiutato piu' volte di partecipare ai corsi formativi il mio sponsor punterà ancora su di me?
Davvero sto pensando questo?
Economia collaborativa non vuol dire fare "beneficienza " con il mio tempo.
Economia Collaborativa significa che entrambi , io e la persona che sto aiutando siamo disposti a pagare un prezzo per il bene comune.
Economia collaborativa significa prendersi la responsabilità verso le persone che iscrivo nella mia attività, alle quali ho fatto una promessa.
Economia Collaborativa significa insegnare alle persone a diventare autonome, indipendenti e libere, capaci di operare senza la presenza del proprio sponsor , ma tutto questo potrà accadere solo se i nuovi incaricati saranno disposti ad imparare , a sacrificare qualcosa per ottenere di piu'.
Troverete tante persone fuori che hanno trattato questo progetto come un gratta e vinci, come un biglietto della lotteria, che speravano in un colpo di fortuna per diventare ricchi senza fare niente di diverso rispetto a prima.
Se non sei disposto a cambiare niente,ricorda : otterrai quello che hai gia!
Se invece sarai disposto a seguire i suggerimenti e i percorsi costruiti con sudore, fatica ed esperienza dai tuoi Leaders, allora potrai con uno sforzo minimo e costante arrivare a qualunque obiettivo. 
Diciamo sempre che in un periodo che va dai tre ai cinque anni puoi cambiare radicalmente e per sempre la tua vita.
Ma se questi anni li trascorri facendo di testa tua, così come tanti di noi hanno fatto all'inizio, non arriverai al tuo obiettivo, e sarai un'altro di quelli che andranno a raccontare che non ha funzionato e daranno le colpe a questo e a quello.
Io mi auguro che il nostro team sia in grado di renderti consapevole del fatto che c'è sempre un prezzo da pagare per il successo.
Non sono 40 o 50 anni di lavoro per avere 600 euro al mese di pensione: potrebbero essere tre o cinque anni o il periodo che vorrai, per essere una persona per sempre libera.
Insieme si Puo'.

 

 

 

Share on Facebook
Please reload

Seguici SU
Cerca per tag
Please reload

Archivio
  • Facebook Basic Square